CumianaFest

Due giorni per la sovranità alimentare, artistica, culturale, popolare

La musica (2017)

Esposizione partecipanti e seminari musicali in ordine casuale. Vedi il calendario per gli eventuali orari.

 

Novità! Un palco – a Villa Venchi – interamente dedicato alle scuole di musica e danza: “Quando la musica fa scuola”! Vedremo tante scuole del territorio con i loro ensemble artistici in azione… mentre sui palchi di Piazza Martiri e della Confraternita si alterneranno gruppi etno-folk.
 Con Marco GiaccariaCoròrchestra del PiemonteEug MirtiFlauti e MisflautiDaniela FabozziAnnalisa Pastorino,Musicanto – Centro per la Ricerca e la Didattica MusicaleASD JAZZ DANCEAssociazione Culturale NotabeneL’Iniziativa MusicaleMilleunanota Alba e Liberimpulso Danza

 

Quest’anno seminari per tutti! Le proposte, tutte interessanti, arrivano dalle associazioni del territorio: perché non approfittarne, per conoscerle e per divertirsi? Iscrivetevi scrivendo a cumianafest@gmail.com.
Grazie all’Associazione Musicanto, a Liberimpulso Danza e all’Associazione Nel Giardino del Re. Nel Giardino del Re terrà un workshop di due giorni presso il Camping Verna il 9-10 settembre (per conoscere i dettagli contattate direttamente nelgiardinodelre@gmail.com).
Con Cristina GiaccardiMusicanto – Centro per la Ricerca e la Didattica MusicaleNel Giardino del ReCamping Verna campeggio e Liberimpulso Danza

 

Il batterista LEONARDO DE LORENZO, in concerto domenica sera a Villa Venchi, con l’apporto di altri due musicisti torinesi. Leonardo è l’autore dell’audiolibro “LE FAVOLE DELL’ISOLA DEI GIRASOLI” in cui ha messo in musica i racconti scritti dai bambini, e nel secondo volume di uscita imminente ci saranno i racconti scritti dai bambini delle scuole di Cumiana l’anno scorso, nel laboratorio per il JazzitFest! L’associazione “L’Isola dei Girasoli”, creata dallo stesso Lorenzo, è dedicata alla raccolta fondi per i bambini malati di cancro e ha sviluppato il progetto ‘Musica in Corsia’: una serie di concerti che si svolgeranno nei reparti pediatrici di vari ospedali e che mirano a donare un sorriso ai piccoli degenti ed alle oro famiglie. 

 

Traine Mannut al CumianaFest sono di casa. Sabato “chiuderanno” il palco di piazza Martiri il banjo di Vito de Bellis, la tromba e il flicorno di Gianni Neirotti, la chitarra di Peo Torchio, le percussioni di Alessio Coletta, il basso di Umberto Cariota: sono loro i Traine Mannut! La tessitura dei brani, il ritmo elettrizzante e la “verve” di Vito De Bellis permettono alla band di esprimere tutta la propria sensibilità in uno spettacolo raffinato e coinvolgente.

 

 

Al Cumianafest #3 la band torinese Calembour, con il suo
English folk rock. In attesa dell’imminente uscita del primo album “Let The Wind Lead Us Home” ascolteremo Marco, Matt, Dave, Andrea & Vinnie dal vivo, domenica 17 alle 17.45 sul palco della Confraternita.

 

 

 

 

SPIRALE nasce nell”81… eh sì, non sono ragazzini, ma sono in crescita e rinnovamento continuo: da qualche anno si dedicano al progetto GIRO DEL MONDO CON LA MUSICA… ed è questo che ci proporranno  sabato 16 alle 21.45, palco di piazza Martiri. Loro sono Massimo Iamone, Bruno Guidetti, Andrea Seren Rosso e Maria Moffa. Voi siete pronti a partire per il giro del mondo?

 

 

 

Sabato 16 il palco della Confraternita sarà aperto dagli OéM, giovane band torinese che reinterpreta in chiave folk brani nati e noti come “pop”…una esperienza nuova per il CumianaFest, ed un palco nuovo per loro: sarà interessante ascoltarli! Loro sono Marta Masini, Francesco Camussi, Enrico Trogolo, Roberto Bacchin, Matilde Masini. Sul palco della Confraternita sveleranno anche il mistero del loro nome…. ci sarete?

 

Ci staranno tutti sul palco di Villa Venchi e ci faranno ascoltare brani delle tradizioni del mondo, e composizioni originali ispirate alle musiche popolari: tutto arrangiato e rielaborato per orchestra, chitarre e strumenti delle tradizioni orali: una realtà unica nel panorama nazionale! Ascolteremo la Cororchestra sabato alle 19 all’apertura del palco di Villa Venchi, su cui saliranno: Francesca Vaglio, Paolo Gallo, Maria Chiara e Francesca Maccarrone, Claudia FAssina, Cecilia Bighelli, Anna Balbo, Davide Andreone, Irene Asprea, Angela Gennaro, Rosaria Boccuzzi, Fabio Mazza, Eros Giuggia, Umberto Alberto, Giulia Delaini, Isabella Rosini, Marco Spini, Lucian Closca, Matteo Chialva, Cecilia Crosetto, Valerio Pisano, LEonardo Bollati, Andrea Santimone, Vittoria Zuccaroli, Francesca Vece, Lorenzo Squarotti, Francesca e Federica Funnone, Veronica Corapi, Riccardo Damiano.

 

Il folk “allo stato puro” delle tradizioni occitane, franco provenzali, piemontesi ed internazionali dei MUSICANTI DI HALANWA’: le ghironde di Walter Sasse, l’organetto diatonico di Felice Lorusso, le percussioni e gli effetti di Caterina Ribiscini, i flauti di Massimo Ghirardi. Tutti da San Gillio. Saranno loro ad aprire le danze sabato al palco di Piazza Martiri.

 

 

Gli A.P. Altapressione saranno con noi anche quest’anno, con il loro folk rock piemontese originale e coinvolgente! Nati nel 2013 da un’idea di Massimo Molino (basso e fisarmonica), Luciano Motta (chitarra acustica e voce), Rodolfo Boerio (chitarra acustica, armonica) e Pier Paolo Fassino (Batteria), sono reduci da diversi concerti in Valsusa. Se ancora non li conoscete non potete perderli, e se li conoscete… neanche! Vi aspettiamo domenica pomeriggio in piazza Martiri.

 

 

 

Al #CUMIANAFEST_3 la scuola Liberimpulso Danzadi Pinerolo, associazione nata nel 2013 per la promozione delle arti coreutiche e musicali “in un respiro di scambio interculturale e condivisione profonda”. Sabato alle 22 a Villa Venchi presenteranno una performance di musica dal vivo e danza che unisce sonorità dell’Africa occidentale alla danza afro contemporanea: una bella novità, per il CumianaFest.

 

 

Ha debuttato a Cumiana lo scorso anno in occasione del JazzitFest. Un duo voce, chitarra, loop e percussioni formato da Francesca Saporito e Andrea Guariso, che al CumianaFest proporrà un repertorio “saboroso”, gustoso, saporito, colorato…. come il Brasile!
Il repertorio viene da lontano, ma loro sono vicini vicini, praticamente a km 0.
Li ascolteremo domenica sul palco della Confraternita.

 

Il gruppo SVOBODA ci condurrà in un trainante viaggio nelle musiche del pianeta… 8 poliedrici musicisti sapranno ricreare dal vivo la colonna sonora di un sorprendente viaggio geografico-emotivo attraverso il pianeta, superando ogni confine e tradizione, mescolando le culture, percorrendo e ricreando insieme al pubblico un mondo inedito, in cui armonie e melodie rinasceranno a nuova vita.
SVOBODA è Silvano Bargelli – tastiere, Massimo Iamone – chitarra, Stefania Cammarata – voce, Gianni Daniello – batteria, Roberto Freggiaro – basso, Paolo Ginanneschi -percussioni, Igor Vigna- tromba e flicorno, Sergio Zaccardelli -sassofoni. Presenteranno il loro ultimo CD RADIOMONDO. 

 

Anche quest’anno un concerto in anteprima! Venerdì 15 settembre alle 21, in Confraternita, concerto di Davide Sgorlon, virtuoso della chitarra acustica, organizzato con Vivere la Montagna. Ingresso gratuito, ma offerta gradita per gli interventi di cura del territorio seguiti da Vivere la Montagna!

 

 

 

Quest’anno il gruppo Babemalà accompagnerà il coro “La voce dei Colori”! Il Coro nasce da un progetto dell’ASL TO2, fondato sul valore terapeutico e socializzante della musica, attraverso la quale abbiamo accesso a “luoghi della memoria” altrimenti inviolabili….la musica permette sensazioni “interne” uniche, e la musica – e il canto polifonico – sperimentata in gruppo è una esperienza di grande valore socializzante: peccato per chi non ha mai provato! La voce dei colori e Babemalà: domenica pomeriggio in Confraternita.

 

 

Sabato alle 20.15 arrivano i Na Druid (i druidi) con il loro folk irlandese tradizionale e rivisitato! I Druidi iniziano la loro attività nel febbraio del 1994. NA DRUID sono Enrico Parco: vocals; bodhran
Graziano Pettinari: banjo; bouzouki, Marco Rege: mandolin, Marco Bella: tin-low whistles; vocals; spoons, Maurizio Marcellino: acoustic guitar, Davide Vergnano: violin; fiddle. I piedi non potranno stare fermi 🙂

 

L’ensemble di archi Flauti e Misflauti sarà accompagnato dalle danzatrici di ASD JAZZ DANCE! Flauti e Misflauti nasce dalla classe di flauto traverso di Marco Giaccaria, presso la scuola “Musicanto” di Piossasco, e vanta ormai una quindecennale esperienza e la pubblicazione di due CD, l’ultimo – Flautandos d’Amour – nel 2017.
Attualmente l‘ensemble è formato da Davide Andreone, Claudia Fassina, Marco Giaccaria, Maria Chiara Maccarrone, Viola Rolandone e Giulia Ventrice.
Al CumianaFest proporranno un repertorio basato su composizioni originali, trascrizioni e arrangiamenti per insieme di flauti che spaziano dal Rinascimento fino alla musica contemporanea.

 

Filastrocche, cantilene, formule magiche, storie e componimenti della tradizione orale ligure – contadina e marinara – musicati dal gruppo JASBAN. Alberto Ghigliotto (violoncello, flauto, voce), Guido Dabove (batteria – la jasban – voce e percussioni), Nicola Calcagno (chitarra e voce) Vale Panda (voce) . Jasban crede nel potere della musica e del canto per “unire forze e competenze umane in una sollevazione dai destini meschini a cui l’uomo pare tendere” e crede “in un mondo di relazioni non basato sul denaro e sui suoi sistemi di potere”….Vengono a Cumiana per condividere e arricchire la ricerca di sovranità alimentare, artistica, culturale, popolare alla base di Cumianafest. Siamo felici di incrociare le nostre strade!

Marcello Capra, Lanfranco Costanza e Mario Bruno – sostengono la due giorni per la sovranità alimentare, artistica, culturale e popolare dall’inizio: la bella maglietta del CumianaFest appare bene in vista nella loro locandina. Quest’anno, domenica 17 alle ore 18 sul palco di piazza Martiri, onoreranno il CumianaFest della presentazione di brani dal loro nuovissimo album “OSTINATOBLU”, di prossima uscita! 
Le musiche strumentali dei Glad Tree sono un’alchimia di culture dove esperienze, studi e ricerche confluiscono in un dialogo costante e poetico tra gli strumenti. Radici Blues, deviazioni Jazz, sensazioni World e pennellate di musica da camera.

IM Ensemble: giovane, ma con esperienza più che decennale nell’ambito della scuola L’Iniziativa Musicale, di Rivalta. Musica tradizionale ed etnica rivisitata, con una ricerca su repertori europei e non. Stringere legami con chi fa musica è parte della ricerca musicale: perciò li vedremo al CumianaFest, e ci accompagneranno in un viaggio all’interno dell’Europa, con qualche sortita nel continente sudamericano. Loro sono Francesco Melillo, Simone e Claudio Dattilo, Barbara Peretti, Laura Antoniazzi, Elisa e Andrea Zenoni, Andrea Sicurella: vi aspettano sabato 16 a Villa Venchi, alle 22.45.

 

I FUORI ONDA, definiscono il loro stile “poemusica”, in quanto spesso collaborano con autori torinesi di cui mettono in musica i versi. Loro sono Giacomo Chiarelli (batteria), Mauro Alovisio (chitarra, voce), Franco Melano (tastiere), Giuseppe Susanna (chitarra), e pur con modifiche di formazione sono sulla scena torinese da un decennio. Si esibiranno a Cumiana per la prima volta, domenica 17 alle 16.45 in piazza Martiri, portando un pizzico di rock… Nei loro testi, amore e vita quotidiana, mondo.

 

 

Al Cumianafest #3 la band formatasi nelle classi di musica d’insieme dell’associazione MILLEUNANOTA di Alba, insegnante il musicista Filippo Cosentino, albese diplomato summa cum laude al Conservatorio G.B.Martini di Bologna e tra i migliori talenti jazz della propria generazione… e sostenitore del CumianaFest – Due Giorni per la sovranità alimentare, artistica, culturale e popolare – sin dalla prima edizione. Quest’anno, domenica 17 nel pomeriggio, ascolteremo l’ensemble di Milleunanota Alba sul palco di Villa Venchi: #quando_la_musica_fa_scuola!

 

 

L’ Associazione Culturale Notabene sale sul palco! Colonna organizzativa e tecnica del CumianaFest, di cui è promotrice sin dalla prima edizione, l’a.c.Notabene presenterà domenica sul palco di Villa Venchi il saggio finale del camp musicale annuale, che quest’anno si è tenuto a Cumiana, e la Notaband al completo! Volete sentirli o no suonare sul palco di Villa Venchi, e ascoltare quel che sanno trasmettere agli allievi, o vi accontentate di vederli sotto i palchi, conoscendone solo la competenza tecnica?

 

 

Il coro di voci bianche JUVENILIA VOX a Cumiana non ha bisogno di presentazioni, ma chi non avesse mai sentito queste giovani non perda l’opportunità di ascoltarle, guidate dalla professoressa Elisabetta Bigo, alle 19 alla Chiesa della Confraternita.

 

 

 

Sabato 16 i Kelteran ritornano per incantare il pubblico della Confraternita con le loro trascinanti note Irish… Valerio Pisano (violino), Luca Di Nunno (cajon), Davide Giaccaria (chitarra, canto), Marco Giaccaria (flauti & whistles, violino, bouzouki e scusate se è poco…): questa la formazione da fine 2016. Formazione parzialmente nuova, per un gruppo nato nel 2001, che faràscoprire una musica di tradizione tutt’altro che statica: un gioco continuo di equilibri precari, tra conservazione e variazione, tra canone e libertà, tra comunità e individualità…. così è la vita, e la cultura! Recente l’ultimo album dei Kelteran: The Green Fields of Erin, uscito in occasione del St. Patrick’s Day 2017. 

 

ASD JAZZ DANCE raddoppia! Sabato 16 alle 21, sul palco di Villa Venchi, l’associazione cumianese presenterà una breve replica dello spettacolo di fine anno “Tableaux vivants – viaggio nell’immaginario dell’arte”: da non perdere. Domenica 17 alle 15, sempre a Villa Venchi, le giovani danzatrici interpreteranno i brani musicali presentati dall’ensemble Flauti e Misflauti…. chi non ricorda la splendida esibizione dello scorso anno insieme al gruppo Sharadì?
Ne vedremo e ne ascolteremo delle belle!

 

Ritornano i MALARTAN… alle 20.30 saliranno sul palco di piazza Martiri! Malartàn è il nome gaelico di un folletto giocherellone che popola alcune fiabe della tradizione irlandese. A questo spirito si è ispirato il gruppo nel 1994, alle musiche tradizionali delle regioni europee a cultura celtica. Eseguiranno il loro repertorio, che è tradizionale e di valore storico, proposto con arrangiamenti ricchi di spunti moderni: il loro sound ha un sapore contemporaneo, giovane e fresco. I MALARTAN sono DONATA GUERCI: VOCE E PERCUSSIONI RENATO MORABITO: FLAUTI, BEPPE RIGOTTO: CHITARRA ACUSTICA, UMBERTO CARIOTA: BASSO ELETTRICO, MASSIMO LAJOLO: CHITARRA ELETTRICA, BOUZOUKI E ARMONICA.

L’associazione Musicanto – Centro per la Ricerca e la Didattica Musicale, di Piossasco, proporrà due interessanti seminari GRATUITI per il CumianaFest!
Sabato pomeriggio h. 15-17: BODY PERCUSSION -sperimentazione di musica e percussioni con il corpo, con materiali poveri o di riciclo, per bambini, ragazzi, giovani ed adulti, con l’accompagnamento di tre docenti che utilizzeranno anche chitarre e voce integrando i linguaggi sonori, e con…performance finale in serata sul palco di Villa Venchi!

Domenica mattina: MUSICA IN CULLA – esperienza ludica e sonora per bambini 0-6 e genitori, in cui sperimentare l’ascolto e il canto di melodie polifoniche, accompagnato da materiali, strumenti musicali e movimenti pensati per stimolare l’attenzione, il coinvolgimento ed il divertimento dei bambini. Il seminario si terrà in biblioteca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci